monicanardozi@storepix.it

La mia foto
I grandi uomini hanno scritto le loro opere più eccellenti in quel periodo della loro vita nel quale dovevano scrivere gratis o per un onorario assai basso. "Schopenhauer"

mercoledì 19 marzo 2008

Grammelot francese, latino maccheronico



Spinettà: Allè a cagarè, vuos Italiens, mort de fame
Italiani: Le vorremmo gentilmente far presente, oh egregio compratore di compagnie aere nazionali, che quelli che lei chiama esuberi, ci paiono invece cazzi in culo di amianto, grossi come baguettes...
Spinettà: Quelle volgaritè, vuos Italiens, stupidì, cafonì, sudditì...
Italiani: Oh egregio Spinettà, perchè non chiamare le cose con il proprio nome? esuberi=licenziameni, Spinettà=merda francese
Spinettà: Parbleu! questi selvajì m'ont frappè les marons...je ne suis mica oblijè a acheter cette solà dell'Alitalià...si me turnent le collions, je achet un par de palle...
Italiani: Mo te stai a allargà, a Spinettà...Selvaggia sarà tu sorella, tra l'altro molto conosciuta qui in Italia grazie al famoso porno, Selvaggia Spinettà in : l'avion inder cul avec tuots le voyageurs e pur le pilot..sens bagajes..
Spinettà: Oui oui, alors jouez nous a tres sett avec le mort (....) le sortì des travaillateurs..
Italiani e Spinettà giocano a tre sette con il morto...
Spinettà: Alors nuos sommes d'accord...gli esuberì se fann de nascost, aummè aummè..
Italiani: I patti erano chiari...
Spinettà: Oui oui, se ne vann a faire in cul pas les aviatuer, pas les hostes et gli stuart, pas le dirijent, les macchiniste, les injegnerì et tuos qui sont a terr, mais solament les sfighè du Call center..
Lavoratori Call Center: e te pareva...
.....

Giulio Cesare al semaforo
Giulio Cesare: Caput penis, filius matris ingnotae..
Romano: Aò ma che vòi?
Giulio Cesare: tibi facio posteriorem tanto, tu intellegis?
Romano: Mo scenno e te sdrumo..
Giulio Cesare: exercitus meus pugnat te, matrem tuam et etiam sororem, quae magna mignotta est, inter altrum..
tre minuti dopo..
Giulio Cesare: Caput sfracassatus habeo..civis romanus corcavit me cum spranga maxima atque gravis atque dura atque, suinus Iuppiter, acuminata.
Iuppiter: Quoque tu, Caie Jiulie Caesare, appellavisti me suinus?
Giulio Cesare: Mignotta Eva, oh summus Iuppiter, ego volebam dire suina mater mea!
tre minuti dopo..
Giulio Cesare: Iuppiter mittebat mihi fulminem gigantescus, posteriorem atque cogliones meos arsi sunt..urget maximam pintam birrae
tre ore dopo Giulio Cesare collassa
Giulio Cesare: Occidit que sbronzam!! peritus sum vomitationis... in illo catino possum sboccare..
Walter Veltroni: Aò, la mia ventiquattrore!!
Giulio Cesare: Scusatio, ex primus civis urbis, sed sboccationem non potebam ritenere...ille catinus trovavi, in illo catino sboccavi..se tuus catinus erat, penes tui sunt..catinus tuus s'appellit XXIV oras?
Walter Weltroni: si, ventiquattrore, ma anche valigetta, ma anche borsa, ma anche porta documenti, ma anche bufalo morto scuoiato e poi conciato, ma anche...
Giulio Cesare: Ex Primus Civis romanus sfracassamentus maronis est..melium ire si non voleo sboccare adhuc..transeo Tiberem, stendo meum corporem martoriatum ad talamum, attendo meam sborniam transire..
Giulio Cesare va a casa e, aperta la porta, trova..
Giulio Cesare: Oh excrementus!
Brutus: Ave Cesare, venio ad te ut conficcares te cum magna lama appuntita..
Giulio Cesare: Que posteriore!, hodie dies merdosus est..
Brutus: sta fermus et bonus que ego debeo dare te XXIII pugiones..
Giulio Cesare: XXIII pugionies sunt per casum variantem XXIV oras ex primi civis romani, in nomine Waltris Veltronis? sed etiam borsam, sed etiam valigettam, sed etima scidam portatam, sed etiam bufalem mortum scuoiatem et postea conciatum?
Brutus: no
Giulio Cesare muore.