monicanardozi@storepix.it

La mia foto
I grandi uomini hanno scritto le loro opere più eccellenti in quel periodo della loro vita nel quale dovevano scrivere gratis o per un onorario assai basso. "Schopenhauer"

mercoledì 13 febbraio 2008

SECERNE MUCO


Mi è scesa la temperatura.
Mi alzo, vado in bagno, minchia puzzo come un cadavere di pescivendolo buttato dai camorristi in un pozzo nero dal quale si nota un cartello che dice: cloaca per la raccolta di interiora e teste di merluzzi avariati.
Torno a letto che già mi è salita di nuovo la febbre.
Mercurio cromo....waw.. mercurio cromo...ehi, Mercury, come va oggi la mia pellaccia? Una chiavica, 39 e mezzo.
In questo stato di febbricitante agonia ( mi par meglio che agonizzante febbre) sogno cose che veramente, ma veramente non hanno nessun cazzo di senso, ma proprio zero, immagina cosa potrebbe sognare un ritardato o un lobotomizzato o uno come Bush, ecco..
Mi è come montata una fissazione patologica per l'errore d'ortografia. Non so più scrivere, niente, dubbi atavici che emergono all'improvviso mozzandomi il respiro: oddio, anziano con la zeta o con la esse, inquinamento con la q di quadro, con la C di cazzo o con tutte e due? e quadro davvero con la q di se stesso? e davvero, davvero si scrive così? oppure d apostrofo a e poi vero? d'a vero ...
Ecco, sto messa così e così vuol dire male, mooolto male..
Tengo d'occhio la temperatura come una nonna il diabete. Niente fumo, niente alcol, niente altro ( capisc'ammmè) da domenica. Ma torniamo ai sogni.
Dormo diciamo....dalle 18 alle 22 ore al giorno, le restanti 6 o 2 che siano, mi lamento o smanetto su piccolo mac portatile mezzo infortunato pure lui, la batteria completamente andata per cui deve stare perennemente con un cavo infilato su per il culo altrimenti non funziona ( alla faccia del portatile).
Dunque dormo molto e molto pesantemente. Sudo da annegare, parlo dicendo cose profetiche del tipo: morirai, cavallo vieni, pakistan, tulli-tulli-tulli-tullipàn, cipolle e duchesse, colle oppio, oppio, oppio, oppio ecc ecc ecc...
Sogno di essere con free al tramonto, free parla, io non lo sto guidando ma lo tengo diciamo per mano ( manopola dell'acceleratore). Free mi dice: ti amo. E io: anche io sto molto bene con te, ma non sei la persona giusta (???????). Free se ne va senza casco.
Cambio di scena, io in versione mondana, aperitivo, gente sconosciuta, arriva un tizio e mi fa: tutto bene? e io: Si e lui: No perchè hai un occhio che ti penzola e io: Oh grazie e lo rimetto a posto, come m'avesse detto scusa hai una mollica sul mento o una caccola sul naso o una foglia di spinacio tra gli incisivi. Poi ho sognato un uomo impotente e diciamo che questo è stato l'unico vero incubo di tutta la convalescenza.
In mattinata vado da Ciuffo, medico condotto, il quale mi palpa il collo, la schiena, mi illunina la gola infilandomi un stiletta di legno cinese fino in fondo alla trachea, poi io muoio soffocata e lui viene denunciato per omicidio colposo. Dopo il processo e il funerale mi consiglia un antinfiammatorio, io: per favore qualcosa di meno devastante dell'aulin, e lui: ah si certo certo.. mi da un robo che si chiama con quei nomi del cazzo dei medicinali, tipo Motipass, Ketodoll, Ardogol, Broncoletal, Amigliorvit, statteacass, Nihilfum, Maldepanz, Vomitil, Crikingol, Aspettesper C, Vivincas, Vedouncaz, Mucofan Z, Sudoflex, Tossinix, Sboccoinfrett, Recidoton Sil vitamina C2, Preservax Aò B12, Fegatoline una la mattina una la sera, Cirrosimil una tantum, prima di essere deposto nella bara.
Insomma niente antibiotici, che per un verso sono felice... in effetti come cazzo si fa a prendere una cosa che si chiama antivita? è come farsi di coca per prendere sonno e cmq mi son spiegata.
Per questo mi piace Ciuffo, non per i capelli alla Elvis, non per i suoi sconfinati minuti di ritardo perchè lui già visita una sola ora e non tutti i giorni, ma poi deve anche andare a prendere il caffè che altrimenti non carbura, non perchè da lui non c'è mai nessuno e non fosse per i suoi ritardi, non ci sraebbe da aspettare niente, non per il fatto che non è prototecnologico e risponde anche via e mail, ma...
Ma perchè hai come la sensazione che non ti voglia mai dare, ma mai mai mai medicine( a meno che tu non sia in fin di vita e neanche in quel caso te ne da perchè ti fa il ricovero in ospedale) .
Ecco, hai un raffreddore devastante da più settimane, talemente molesto che nessuno più ti vuole stare accanto? Lui ti fa : si, bene. Aspetti che le passi. E tu: Mah...
E lui: spremute, vitamina c, caldo, brodo, Ma un'aspirina? ( sempre tu) Mah, se proprio non ne può fare a meno...( sconcertantemente ancora lui)
Insomma Ciuffo è un omeopata e non lo sa. Ma vale anche la proposizione secondo la quale Ciuffo è un medico e non lo sa.