monicanardozi@storepix.it

La mia foto
I grandi uomini hanno scritto le loro opere più eccellenti in quel periodo della loro vita nel quale dovevano scrivere gratis o per un onorario assai basso. "Schopenhauer"

sabato 5 gennaio 2008

Fenomenologia dello spruzzo

Nove, otto, sette, sei, cinque, quattro, tre, due, uno... pluf.
Anno nuovo, mutande nuove, sbronza classica (per quello bisogna sempre mantenersi ancorati alla tradizione).
La notte di capodanno uno mi fa: puoi agitare di nuovo la bottiglia che ti faccio una foto?
E clik, clik, clik settanta foto di me con la bottiglia che eiacula senza troppe pretese. Poi viene un barbone, con delle specie di tronchi al posto dei capelli e mi dice: Mi dai un del tuo spumante?
Ma si, dai, brindiamo tutti assieme. Poi si avvicina per darmi gli auguri e io lo bacio 'chè ma si ma dai, è capodanno eccheccazzo, non sarà proprio sta sera che contrarrò la scabbia, no? mentre un odore di carcassa decomposta effluvia da sotto il suo cappotto. Poi mi mette un braccio intorno al collo che vuole ballare, stringermi, bere dal collo della mia bottiglia.
Penso:
1) Gli do un calcio nelle palle
2) Qualcuno verrà a salvarmi da questo fetore d'uomo
3) Lo lascio fare, 'che si ma dai è capodanno...mmmm .. col cazzo
4) Fingo uno svenimento
5) Svengo davvero
7) Do di matto e comincio a predicare l'avvento dei re magi ( improbabile, non ho ancora compiuto i trenta)
8) Sottopongo il mentecatto alla visone dell'ultimo film di Olmi
9) Gli faccio ascoltare un album intero di Amalia Grè
10) Basta parlar chiaro: Oh, hai rotto il cazzo, ma te ne vai? e lo spumante e il bacino e le palpate, ma vaffanculo!
Poi dal centro della piazza parte un falò e l'uomo fetoso, i suo tred naturali che bagnati puzzano come pelo di cane morto, i suoi denti verdi e il suo cadavere nel cappotto, si lasciano attrarre da questo eccezionale incredibile miracoloso prodigio...uhhhhhh il fuooooco...

Sempre meglio che fare un test di gravidanza.
Vai a comprarlo e già la farmacista ti guarda storto. Non so perché, ma probabile che ti abbia visto fumare tre sigarette al di là della vetrina mentre tentennavi: mo entro, no non entro, ma si entro, ma no aspetto, vabbè entro, ma forse mi vengono, ecco, questo doloretto al basso ventre... vabbè entro..
Vai a casa. Ti siedi sul cesso ( perché già lo sai che queste cose hanno a che fare con urina, contenitore di plastica e tachicardia). Leggi le istruzioni.

  • Pisciare nell'apposito contenitore. Lo guardi ed è più piccolo di un bicchierino da rum. Bestemmi perché sai già che ti piscerai in mano.
  • Immergere la linguetta nel contenitore. Osservazione analitica: il test consiste in una limetta di cartone.
  • Lasciare per 15 secondi ( prendi l'orologio, lo sincronizzi)
  • Riporre la limetta di cartone su un ripiano asciutto e pulito ( nel mio bagno niente è asciutto e men che meno pulito), attendere 3 minuti, anche 5, mai più di 10 (mah, magari esplode)
  • ( Inizia il delirio delle linee ) Una: non gravidanza, due: gravidanza, tre: parto trigemellare, un rombo: partorirai il messia, una racchetta da tennis: è il figlio illegittimo di Agassi, le istruzioni per l'imballaggio di un mobile da 1000 pezzi: è ora che tu smetta di passare i pomeriggi all'Ikea.
Vabbè, anche per questo mese niente figlio.
Mi sa che me ne vado all'Ikea.